Cambio di rotta e primo incontro con i pinguini Stampa
20120121_pnra-pinguiniDiario di bordo della XXVII spedizione in Antartide: il passaggio a est tra pinguini, orche e balene

21 gennaio 2012
- Giorno n° 10

Abbiamo trovato una estesa cintura di ghiacci a 66° sud che ci ha obbligato a cambiare rotta per entrare nel Mare di Ross. Le immagini satellitari ci hanno indicato un passaggio tra i ghiacci molto a est rispetto alla rotta pianificata, il comandante non ha avuto indecisioni: meglio navigare velocemente in acque con poco ghiaccio percorrendo un tratto maggiore che scegliere la via più breve ma rischiare di rimanere bloccati. L'Italica è infatti una nave polare, ma non è un vero e proprio rompighiaccio, per cui non riesce ad avanzare se i ghiacci marini sono troppo compatti o hanno spessori maggiori di 1,5 metri.
Abbiamo quindi oltrepassato l'antimeridiano di Greenwich (180°) entrando nell'emisfero ovest, costeggiando i ghiacci più compatti fino a entrare finalmente nel Mare di Ross. In questa navigazione non sono mancati gli avvistamenti di pinguini, orche e balene che hanno entusiasmato particolarmente chi per la prima volta partecipa a queste spedizioni.

Giorgio Budillon, responsabile attività di ricerca scientifica e tecnologica - Scienze della Terra © Riproduzione riservata
_____

Foto: Giorgio Budillon 2012 © PNRA | Per maggiori informazioni sulla spedizione: www.italiantartide.it

Articoli correlati:

Sfidando le onde
AddThis Social Bookmark Button
 

Utilizziamo i cookies per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle vostre scelte di navigazione in modo da offrirvi la migliore esperienza sul nostro sito. Inoltre ci riserviamo di utilizzare cookies di parti terze. Per saperne di più consulta la nostra Informativa Cookie.

Continuando a navigare sul sito, accetti di utilizzare i cookies.

EU Cookie Directive Module Information