CinemAmbiente
Il “CinemAmbiente Environmental Film Festival" si svolge a Torino nel mese di giugno, in concomitanza della Giornata Mondiale dell'Ambiente, ed è una manifestazione volta ad offrire visibilità ai migliori film a tematica ambientale, di produzione internazionale e nazionale. Ad oggi è il più importante Festival del cinema italiano dedicato all’ambiente. Green Cross Italia, convinta dell’efficacia della comunicazione visiva per la diffusione dei principi etico-ambientali, concede il patrocinio alla manifestazione e assegna una Menzione Speciale al Miglior Documentario Internazionale.
AddThis Social Bookmark Button


Concorso Internazionale Documentari PDF Stampa E-mail

Film 2009

1. Addicted to plastic (Canada, 2007, 85') Ian Connacher
2. The age of stupid (Inghilterra, 2008, 85') Franny Armstrong
3. Auto*Mat( Repubblica Ceca, 2009, 90') Martin Macerek
4. Earth days (USA, 2009, 100') Robert Stone
5. Let's make money (Austria/Germania, 2008, 107') Erwin Wagenhofer
6. Katanga business (Belgio/Francia, 2009,120') Thierry Michel
7. Meat the truth (Olanda, 2009, 73') Gertjan Zwanikken
8. Nous resteron sur terre (Francia, 2008, 87') Pierre Barougier e Olivier Bourgeois
9. Old Partner (Sud Corea, 2008, 75') Lee Chung-Ryoul
10. Owing the weather (USA 2009, 92') Robert Greene
11. Recipes for Disaster (Finlandia, 2008, 85') John Webster

_____________________________________________________________________________


ADDICTED TO PLASTIC (Dipendenti dalla plastica)

CANADA, 2007, 85' - REGIA/DIRECTOR: Ian Connacher

1

 

 

 



 

Basterebbe un viaggio nel bel mezzo dell'Oceano Pacifico per aprirci gli occhi su certe nostre scelte: in una zona tristemente denominata la Easter Garbage Patch, grande come l’Europa orientale, tonnellate di rifiuti di plastica vengono radunati dalle correnti con danni irreparabili all'ecosistema. Per non parlare dei nostri rischi di intossicazione per le sostanze nocive contenute negli oggetti con cui abbiamo a che fare quotidianamente… Ian Connacher, reduce da tre anni di riprese in dodici nazioni, esplora in modo preciso e accattivante, mostrando anche le possibili soluzioni, storia, rischi e retroscena della diffusione della plastica, materiale che negli ultimi cento anni ha totalmente rivoluzionato, nel bene e nel male, la vita dell'uomo.

 
________________________________________________________________

AUTO*MAT (Auto*Matico)

REPUBBLICA CECA, 2009, 90' - REGIA/DIRECTOR: Martin Marecek

2

Un documentario per dire basta allo strapotere dell'automobile, al traffico che rende Praga invivibile: questo, ma non solo, è Auto*Mat. Partendo da un atto semplice come filmare gli incidenti che quotidianamente avvengono di fronte a casa sua, Martin Marecek, vincitore con Zdroj-Source (2005) del Premio della Consulta degli Studenti a CinemAmbiente 2006, ha cercato di sensibilizzare i propri concittadini, coinvolgendo famiglia, amici, politici e esperti di urbanistica. Una soluzione al problema? Prima di tutto l'uso della bicicletta. Una pellicola coinvolgente, dal tono leggero e scanzonato, vincitrice di numerosi riconoscimenti internazionali, realizzata nell'arco di due anni durante i quali viene documentato l'evolversi di questo spontaneo e travolgente movimento su due ruote.

  ________________________________________________________________

EARTH DAYS (I giorni della Terra)

USA, 2009, 102' - REGIA/DIRECTOR: Robert Stone

3

La nascita della coscienza ecologista negli Stati Uniti, dalle prime reazioni allo sfrenato consumismo post-bellico, fino all'Earth Day, del 22 aprile 1970, quando 20 milioni di americani, il 10 % della popolazione, si mobilitò per mostrare che l’unica alternativa alla catastrofe ambientale era la via dell’eco-compatibilità. Alternando testimonianze esclusive (i pionieri dell'ambientalismo Denis Hayes e Paul Ehrlic; Stewart Udall, segretario per i presidenti Kennedy e Johnson e primo politico pro-ambiente; Rusty Schweickart, astronauta nella missione Apollo 9), a rare immagini di repertorio, il regista racconta battaglie, conquiste, ma anche sconfitte, del movimento ecologista americano, riflettendo sulle politiche spesso divergenti adottate dai governi degli Stati Uniti negli ultimi 40 anni.

________________________________________________________________

KATANGA BUSINESS

BELGIO, 2009, 120' - REGIA/DIRECTOR: Thierry Michel

4

La regione congolese del Katanga rappresenta un caso emblematico nell'attuale scacchiere economico-politico africano: ricchissima da un punto di vista minerario, grazie agli immensi giacimenti di uranio, cobalto e rame, è stata svenduta dai politici alle multinazionali straniere, a discapito della popolazione, che vive in condizioni spaventose, come testimonia il fenomeno dei “diggers”, gruppi di minatori che scavano il terreno abusivamente, mettendo a repentaglio la propria vita. Katanga Business penetra a fondo nella realtà di questa regione, tra speculatori anglosassoni, imprenditori cinesi e magnati eredi del colonialismo, scandagliando legami e connivenze, tra echi del passato, effetti della globalizzazione e nuove spinte all'indipendenza, come testimonia la figura centrale di Moise Katumbi, ricco e carismatico governatore, deciso, tra luci e ombre, a cambiare definitivamente rotta all'economia locale.

________________________________________________________________

LET'S MAKE MONEY (Facciamo soldi)

AUSTRIA, 2008, 107' - REGIA/DIRECTOR: Erwin Wagenhofer

5

Un viaggio all'interno del capitalismo internazionale: Erwin Wagenhofer, presente all'edizione 2006 di CinemAmbiente con We Feed the World, svela i retroscena della finanza mondiale. In un sistema di protezionismo dai tratti mafiosi, seppure travestito da liberalismo, i governi delle nazioni ricche, le banche e le multinazionali muovono e reinvestono capitali enormi allo scopo di auto-alimentare la propria ricchezza, a spese dei paesi del Terzo Mondo, privati delle proprie risorse e costretti a indebitarsi. Grazie alle testimonianze di esperti del settore raccolte in tutto il mondo, Let's Make Money, fa riflettere sui meccanismi perversi che regolano l'economia globalizzata.

________________________________________________________________

MEAT THE TRUTH (Carne, la verità sconosciuta)

PAESI BASSI (NETHERLANDS), 2009, 73' - REGIA/DIRECTOR: Gertjan Zwanikken

6

Sapete che una mucca produce in un giorno lo stesso gas serra di un fuoristrada? L'allevamento causa il 18% del riscaldamento globale, percentuale simile a quella dell'industria e maggiore di quella del settore dei trasporti pubblici e privati (13,5%). Con un linguaggio accessibile a tutti, interviste con scienziati, animazioni, statistiche, il documentario intende dare un contributo al dibattito sul tema, dimostrando che ciò che mangiamo ha una grossa influenza sul futuro del pianeta. Ciascuno, come cittadino, potrebbe fare moltissimo, sostiene Marianne Thieme, leader dell’olandese Party for Animals, primo partito animalista al mondo ad avere seggi in un parlamento. Il film segue la scia di pellicole quali The Meatrix e Our Daily Bread, proiettate nelle scorse edizioni di CinemAmbiente e citate nel film, prendendo le distanze da Una scomoda verità.

________________________________________________________________

Nous resterons sur Terre (Here to Stay,Noi resteremo sulla Terra)

FRANCIA, 2009, 87' - REGIA/DIRECTOR: Olivier Bourgeois, Pierre Barougier

7

Con un gioco di specchi e contrasti tra la meraviglia della natura e l'ossessione dell'uomo di dominarla, Nous resterons sur Terre fissa il suo sguardo coraggioso sullo stato del nostro pianeta, la cui armonia è in pericolo. Si può invertire lo stato delle cose? Lo vogliamo veramente? Alternando le forti testimonianze dello scienziato ambientalista James Lovelock, del filosofo Edgar Morin, dei Premi Nobel per la Pace Mikhaïl Gorbachev e Wangari Maathai, a immagini spettacolari, il film, con uno stile innovativo vicino alla fiction e un commento musicale trascinante, lascia a ciascuno la libertà di valutare su quanto sia urgente il cambiamento, con una sola certezza: "Noi resteremo sulla Terra".

________________________________________________________________

OLD PARTNER - Wyo-nang so-ri (Il suono della campanella)

COREA DEL SUD (South Korea), 2008, 75' - REGIA/DIRECTOR: LEE Chung-ryoul

8

Il crepuscolo di un mondo in cui uomini e animali vivono e lavorano fianco a fianco, in una simbiosi basata sul rispetto reciproco. Choi è un contadino coreano ottantenne. Ad aiutarlo da più di trent'anni, oltre alla moglie, è sempre lo stesso bue. Questa storia di semplice vita rurale, ha attirato a sorpresa gli spettatori della Corea industrializzata, tra i quali, malgrado la brillante crescita economica, si avverte la nostalgia per il passato rurale. Il regista Lee ha impiegato ben cinque anni alla ricerca della coppia uomo-bue giusta, traendo ispirazione dalla propria infanzia trascorsa in campagna. Il film ha vinto un premio al prestigioso Festival internazionale di Pusan (Busan), ed è stato presentato al Festival del film indipendente di Sundance (USA), diventando in Corea, con i suoi 3 milioni di spettatori, campione di incassi.

________________________________________________________________

OWNING THE WEATHER (Il clima nelle nostre mani)

USA, 2009, 92' - REGIA/DIRECTOR: Robert Greene

9

Robert Greene, in un documentario ricco d'informazioni e immagini spettacolari, studia, partendo dalla vita di tutti giorni, la relazione tra l'uomo e il clima in rapporto anche alle ultime scoperte sulle modificazioni climatiche. Alcuni progetti americani potrebbero riuscire a modificare le condizioni meteorologiche di certe zone per scopi agricoli o militari. Un'ipotesi affascinante, come sottolineano i numerosi esperti intervistati, che però scatena perplessità di carattere filosofico e etico: può l'uomo intervenire in maniera così diretta e invasiva anche sul clima? Che conseguenze potranno avere simili possibilità? Dubbi più che legittimi ora che dobbiamo affrontare le emergenze legate al riscaldamento globale.

________________________________________________________________

RECIPES FOR DISASTER (Ricette per il disastro)

FINLANDIA, 2008, 85' - REGIA/DIRECTOR: John Webster

10

Un film dolorosamente divertente sui nostri difetti e sulle tante piccole azioni che, senza accorgercene, hanno creato e aggravato la crisi ecologica. Si può vivere senza usare i derivati del petrolio, per non incrementare l’emissione di CO2? Il regista, sua moglie e i due figli ci dimostrano, senza abbandonare le abitudini di una famiglia finlandese qualsiasi, come si possa rinunciare all’automobile o all'acquisto di prodotti in contenitori di plastica. Una via piuttosto difficile da percorrere, raccontata con ironia e intelligenza, in grado di dimostrare come la dipendenza dai derivati del petrolio sia uno dei problemi più rilevanti dei nostri tempi. Un dato su tutti: il consumo annuo mondiale di oro nero corrisponde alla quantità di acqua che passa dalle cascate del Niagara in 25 giorni: impressionante, no? Il film è stato uno dei documentari di maggiore successo in Finlandia.

________________________________________________________________

THE AGE OF STUPID (L'era dello stupido)

REGNO UNITO (UK), 2008, 85' - REGIA/DIRECTOR: Franny Armstrong

11

Nel 2055 i disastrosi cambiamenti climatici hanno reso la Terra un luogo inospitale. In questa situazione, il protagonista, l'attore Pete Postelethwaite (candidato all'Oscar per Il nome del padre), solitario fondatore del Global Archivi, dove sono custodite tutte le tracce video lasciate da un'umanità ormai prossima all'estinzione, spinto dalle immagini e dalle testimonianze che scorrono davanti ai suoi occhi increduli, si interroga sul perché nessuno sia intervenuto per salvare il nostro pianeta. Alternando fiction dal sapore fantascientifico, a testimonianze reali dei nostri giorni, a sequenze di animazione con materiale televisivo, Franny Armstrong affronta in modo nuovo e efficace, tanto rigoroso quanto avvincente, le cause e gli sviluppi di una delle nostre emergenze più gravi.

________________________________________________________________
AddThis Social Bookmark Button
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 7 di 10

Iniziative

 

banner-gerini

Utilizziamo i cookies per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle vostre scelte di navigazione in modo da offrirvi la migliore esperienza sul nostro sito. Inoltre ci riserviamo di utilizzare cookies di parti terze. Per saperne di più consulta la nostra Informativa Cookie.

Continuando a navigare sul sito, accetti di utilizzare i cookies.

EU Cookie Directive Module Information