Newsletter

Iscriviti alla nuova newsletter di Green Cross Italia!

Immagini per la Terra

banner-ixt-greencross

Iniziative internazionali

Senegal: il futuro dell’acqua nelle mani delle donne PDF Stampa E-mail

20160322_Freddas01 Grazie al progetto “Freddas”, donne e lavoro protagoniste della Giornata mondiale dell’acqua 2016  


“Water and jobs”, il legame tra acqua è lavoro, è il protagonista della Giornata Mondiale dell’acqua2016 che si celebra il 22 marzo. L’accesso all’acqua può cambiare la vita ai lavoratori e trasformare le società e le economie, sostengono le Nazioni Unite. Ed è quello che abbiamo realizzato attraverso il progetto “Freddas” in Senegal, un lavoro durato tre anni che ha contribuito ad assicurare acqua, sostenibilità energetica, lavoro e pari dignità alle donne. Co-finanzianziato dalla Cooperazione italiana allo Sviluppo del ministero degli Affari esteri e dall’azienda fito-cosmetica L’Erbolario, “Freddas” ha sottratto terreni alla desertificazione, introdotto nuove tecnologie per l’irrigazione e ribaltato il ruolo tradizionale della donna.

20160322_Freddas03Nel Nord del Senegal abbiamo reso coltivabili 600mila metri quadrati di terreno contribuendo alla sicurezza alimentare e portando reddito ai coltivatori delle comunità rurali di Bokhol e Gouriki Samba Diom. Con il supporto dei tecnici Enea, abbiamo installato due impianti fotovoltaici da 100 kWp e 50 kWp, permettendo agli agricoltori di limitare la dipendenza dal gasolio, con una riduzione del 35% dei costi totali di produzione e delle emissioni di CO2. E ha introdotto i nuovi sistemi d’irrigazione “goccia a goccia”.

«Abbiamo installato sui terreni centinaia di chilometri di tubi e creato impianti di micro-irrigazione che consentono di ridurre dell’80% il consumo di acqua e risparmiare circa 800 milioni di litri ogni anno - spiega il presidente di Green Cross Italia Elio Pacilio -. L’accesso e lo sfruttamento delle risorse naturali per generare lavoro e prosperità sono spesso fonte di conflitti tra le comunità e con la natura. Per questo abbiamo realizzato un progetto sostenibile a 360 gradi».

Ma la vera innovazione di questo progetto è stata mettere in discussione la scarsa presenza femminile negli incarichi più importanti: adesso le donne non solo lavorano ma prendono anche parte ai processi decisionali e ricoprono ruoli di responsabilità all’interno delle imprese sociali che sono state costituite. Sono diventate proprietarie di parcelle di terreno e per di più si occupano della vendita dei prodotti agricoli, viaggiando alla volta dei mercati regionali a bordo di carri a trazione animale forniti dall’Ong. Una cosa prima impensabile.

20160322_Freddas02«Fino a quando il progetto non è arrivato in queste terre - racconta Ramatoulaye Kane, responsabile delle attività delle agricoltrici dei villaggi beneficiari - le donne si dividevano tra il lavoro nei campi e la cura della casa. E se chiedevamo loro di parlare anche solo di come fosse andata la giornata, molte incaricavano un uomo di farsi portavoce oppure rispondevano “domani, domani”. Non erano abituate a prendere parte alle decisioni, pur essendo molto attive nella vita della comunità».

Per questo abbiamo voluto che le donne fossero le vere protagoniste dei cambiamenti economici e culturali di cui hanno beneficiato gli oltre 11.000 abitanti di queste comunità. Grazie a un’intensa attività di formazione, è stato inoltre possibile creare una maggiore consapevolezza sulla condizione femminile, contribuendo a superare i pregiudizi e valorizzare le diversità di genere.

«Grazie a Freddas ad oggi circa mille persone hanno trovato lavoro o consolidato occupazioni precarie, sia sui terreni che nella gestione degli apparati tecnologici - racconta Elena Seina, coordinatrice delle attività di genere di Green Cross Italia -. Di queste, 650 sono donne, alcune delle quali ricoprono ruoli di direzione nelle due imprese sociali create per la gestione delle attività agricole e la commercializzazione dei prodotti. Il progetto ha un ulteriore valore aggiunto: interviene nelle zone più aride e povere del Senegal, dove è presente una forte emigrazione, sia continentale che verso l’Europa».

Dalle operose mani femminili prende vita un futuro concreto per le nuove generazioni: con il denaro risparmiato grazie alle nuove tecnologie, messo in una cassa comune del gruppo di interesse economico gestito da una presidentessa, le donne fanno fronte alle spese familiari e permettono alle bambine di andare a scuola. Ognuna diventa quindi portavoce dei propri diritti e garante dell’accesso e della gestione sostenibile dell’acqua per tutta la comunità.

Crediti foto: Elena Seina - Green Cross

22 MAR 2016

AddThis Social Bookmark Button
 

Iniziative

 

banner-gerini

Utilizziamo i cookies per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle vostre scelte di navigazione in modo da offrirvi la migliore esperienza sul nostro sito. Inoltre ci riserviamo di utilizzare cookies di parti terze. Per saperne di più consulta la nostra Informativa Cookie.

Continuando a navigare sul sito, accetti di utilizzare i cookies.

EU Cookie Directive Module Information